Consulenza alle imprese
Consulenza alle imprese - Gestione d'Impresa
7 Giugno 2021

DECRETO SOSTEGNI BIS: EMISSIONE NOTA DI CREDITO ALL’AVVIO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

Recupero dell'Iva su clienti assoggettati a procedure concorsuali

Sabrina Cavallini

A partire dal 26/05/2021 è possibile emettere note di credito per il recupero dell’Iva verso clienti assoggettati a procedure concorsuali a partire dalla data di avvio delle procedure stesse.

Il nuovo Decreto Sostegni ha introdotto questa grande novità per le note di variazione in diminuzione nei confronti di coloro che sono soggetti a procedure esecutive rimaste infruttuose o a procedure concorsuali.

Come sappiamo, è possibile emettere nota di credito per fatture precedentemente emesse nel caso di:

  • dichiarazione di nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione o simili,
  • applicazione di abbuoni o sconti previsti contrattualmente,
  • rettifica di errori (nel limite di un anno dall’emissione della fattura),
  • sopravvenuto accordo tra le parti (nel limite di un anno dall’emissione della fattura),
  • mancato pagamento dovuto a procedure esecutive rimaste infruttuose o procedure concorsuali.

NEW: L’art. 18 del DL 73/2021 modifica sostanzialmente il momento a partire dal quale è possibile emettere la nota di variazione Iva in diminuzione verso clienti soggetti a fallimento.

La previgente disciplina, infatti, consentiva l’emissione di NC solo dopo il verificarsi dell’infruttuosità della procedura o dell’accordo di ristrutturazione dei debiti omologato, nonché della pubblicazione sul registro delle Imprese di un piano “attestato”.

La certezza giuridica per l’emissione di questa, quindi, era riconosciuto nella fine delle procedure stesse, attraverso cioè il decreto con cui il giudice approva il piano di riparto rendendolo esecutivo trascorso il termine di 10 giorni per le osservazioni dei creditori, ovvero il decreto di chiusura del fallimento soggetto a reclamo.

A seguito della nuova normativa, invece, il momento in cui è possibile emettere la nota di variazione in diminuzione viene “spostato” all’inizio delle procedure stesse, cioè nel momento in cui il cessionario o committente è assoggettato a una procedura concorsuale o dalla data del decreto che omologa un accordo di ristrutturazione dei debiti o dalla data di pubblicazione nel registro delle imprese di un piano “attestato”, per le procedure avviate dalla data del 26 maggio 2021.

L’esatto momento in cui un debitore viene considerato assoggettato ad una procedura si riconosce nella data di:

  • sentenza dichiarativa del fallimento,
  • provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa
  • del decreto di ammissione alla procedura di concordato preventivo
  • del decreto che dispone la procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi.

Il documento elettronico di riferimento, secondo le nuove disposizioni in materia di fatturazione elettronica, per l’emissione della nota di credito è il TD08, nota di credito semplificata.

Se, successivamente all’emissione della Nota di Credito, venisse incassato in tutto in parte il corrispettivo, occorre emettere nota di variazione in aumento e versare la relativa iva a debito, che potrà essere portata in detrazione.

I termini per la detrazione dell’Iva non sono cambiati, per cui il diritto alla detrazione dell’imposta nasce nel momento in cui la stessa diviene esigibile, nel termine massimo della dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto stesso è sorto, entro quindi il termine per la presentazione del Mod. Iva relativo all’anno in cui è intervenuta l’apertura della procedura concorsuale e, per le procedure concluse entro il 31/12/2016 entro il termine di presentazione del Mod. Iva relativo al 2° anno successivo.

È da notare inoltre che il momento in cui il debitore viene assoggettato a procedura concorsuale coincide con quello della deducibilità della svalutazione del credito (rilevante ai fini reddituali) aprendo così la duplice possibilità per il creditore:

  • emissione di nota di credito
  • deduzione fiscale dell’imponibile.

 

Per maggiori informazioni studiocavallini@studiocavalliniepartners.it

 

Il modo più semplice per rimanere aggiornati

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità per l’azienda? Iscriviti alla nostra newsletter:
riceverai direttamente nella tua email tutte le novità di Cavallini & Partners.

i campi con * sono obbligatori

Cookie PolicyPrivacy PolicyNote Legali