Consulenza alle imprese
Consulenza alle imprese - Crescita - Finanziamenti
4 Agosto 2021

FORMAZIONE DEI DIPENDENTI: costo o opportunità?

Sabrina Cavallini

Non tutte le imprese conoscono i meccanismi per finanziare la formazione dei propri dipendenti, in particolare ci soffermiamo sui FONDI INTERPROFESSIONALI, Fondi paritetici sostenuti da Organizzazioni datoriali dei datori di lavoro e dei lavoratori e costituiti dalla Legge 388/2000.

Obiettivo di questi fondi è promuovere la qualificazione o riqualificazione professionale dei lavoratori (dal 2011 anche per apprendisti o lavoratori a progetto), con una procedura piuttosto semplice.

Infatti ogni impresa versa annualmente per i propri dipendenti una quota dei contributi all’INPS, di questa quota lo 0.30% può decidere di destinarlo in qualsiasi momento ad uno di questi Fondi attraverso il modello Uniemens.

La formazione può essere erogata attraverso 3 modalità:

  • CONTO FORMAZIONE, in base a quanto l’azienda ha versato ed accumulato
  • CONTO SISTEMA, partecipando a veri e propri bandi, i c.d. “Avvisi” ottenendo risorse economiche extra
  • VOUCHER, per far finanziare corsi a catalogo, seminari, Master per singolo dipendente

Un aspetto fondamentale riguarda l’analisi dei fabbisogni aziendali che, se fatta da un professionista con il supporto del personale coinvolto, può portare alla redazione di un progetto di formazione “su misura” per l’impresa in modo che questa ne tragga il maggior beneficio in termini di risultato e crescita del personale, con un impatto positivo sull’intera organizzazione.

La progettazione in questo ambito, come in molti aspetti che riguardano la vita di un’impresa, risulta essere nuovamente un valore strategico che fa la differenza e che rende vincente e competitiva un’impresa rispetto alle altre, anche in virtù di una visione che ne valorizza le risorse umane in maniera strategica ed innovativa.

Perché investire nella formazione?

Prima di capire nel dettaglio il vantaggio di iscriversi ad un Fondo Interprofessionale è necessario soffermarsi sul fatto che dedicare del tempo ai propri dipendenti, su tematiche strategiche per l’impresa, è un’opportunità importante e non un costo: un lavoratore “formato” è un lavoratore consapevole, proattivo e motivato ed avrà ricadute sia da un punto di vista “produttivo” che di soddisfazione personale importanti all’interno dell’organizzazione in cui opera.

L’adesione a questi FONDI è libera, modificabile e gratuita, l’importante è che l’impresa effettui una scelta (con il supporto di un professionista), in caso contrario la quota rimarrà versata nelle casse dell’Inps.

Da un punto di vista pratico cosa deve fare l’azienda se non sa se aderisce o meno a qualche Fondo Interprofessionale?

Deve richiedere al proprio consulente del lavoro oppure al commercialista la stampa del Cassetto Previdenziale dal sito INPS, in tal modo sarà consapevole della sua situazione e potrà scegliere come operare.

Come scelgo il Fondo Interprofessionale più adatto per me?

I Fondi Interprofessionali autorizzati dal Ministero del Lavoro sono circa 22, di questi 19 sono attivi e la scelta di aderire ad uno piuttosto che ad un altro può dipendere da molteplici fattori quali la dimensione aziendale, il settore di appartenenza, il Contratto Collettivo applicato, piuttosto che il fabbisogno formativo da soddisfare.

In realtà, al di là delle molteplici opportunità offerte dai Fondi, la differenza spesso la fa il soggetto o l’agenzia formativa che ha il compito di mettere insieme le esigenze formative e di sviluppo delle PMI con le opportunità che il Fondo concede.

Una buona capacità di ascolto, unita alle competenze di progettazione creano uno spazio di crescita che queste agenzie alimentano, offrendo alle imprese concrete prospettive di crescita, innovazione ed aumento della produttività.

Quali sono i vantaggi di aderire ad un Fondo Interprofessionale?

  • Adesione libera e gratuita
  • Formazione dei dipendenti a costo zero, sia per percorsi di formazione obbligatoria sia per percorsi trasversali e su misura
  • Miglioramento delle competenze aziendali
  • Riqualificazione del personale

Per maggiori informazioni scrivere a studiocavallini@studiocavalliniepartners.it

 

Il modo più semplice per rimanere aggiornati

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità per l’azienda? Iscriviti alla nostra newsletter:
riceverai direttamente nella tua email tutte le novità di Cavallini & Partners.

i campi con * sono obbligatori

Cookie PolicyPrivacy PolicyNote Legali